Il viaggio in Corea del Sud é nato dalla mia enorme curiosità verso l´architettura costruita nel paese sia progettata da archistar internazionali che da architetti coreani.. Curiosità maturata sin dai tempi dell´università. Ma non solo, essendo mio marito ed io grandi amanti dell´Asia e avendone visitata una buona fetta, abbiamo pensato a questo meraviglioso paese quando abbiamo sentito ancora una volta, l´impellente desiderio di volare verso l´estremo oriente.

Nonostante Il viaggio sia stato meraviglioso, ho scritto solo un post su questo paese incredibilmente autentico, pieno di usi, costumi e tradizioni secolari che ben si sono fusi con le tendenze tecnologiche delle ultime decadi. Ora vorrei recuperare e scrivere ancora sull´esperienza intensa del nostro viaggio coreano.

Abbiamo fatto tre tappe: Seoul, Gyeongju e Busan.

Busan Cinema Center

A Busan siamo rimasti solo 3 giorni e avevamo una lista molto compatta di cose da vedere, che ovviamente rispettassero le esigenze nostre e dei bambini. Una delle attrazioni che non volevamo perderci era il Busan Cinema Center.

Nel 2005, il Busan International Architectural Culture Festival  in Corea del Sud ha organizzato un concorso di design per un nuovo Busan Cinema Center per ospitare tra gli altri eventi anche  il Busan International Film Festival (BIFF).

Il design radicale dello studio di Architetti austriaci  Coop Himmelblau  vinse il primo posto e la costruzione è iniziata alla fine del 2008, terminando quattro anni dopo nel 2012.

L’edificio ha già vinto l‘International Architecture Award e il Chicago Athenaeum nel 2007 così come un Guinness World Record per il “tetto a sbalzo più lungo” del mondo. Il team di  Coop Himmelb(l)au  infatti è riuscito a riportare in vita una visione architettonica di un calibro raramente vista dal tavolo da disegno.

 

    

 

L’edificio innovativo combina spazi aperti, programmi culturali, intrattenimento, tecnologia e architettura in un modo nuovo. La superficie del soffitto del tetto è completamente ricoperta da una superficie a LED che consente di ottenere visuali uniche che mettono in risalto il Centro Cinematografico di Busan. Il soffitto illuminato dinamicamente funge da piattaforma di comunicazione del Centro con visitatori e passanti. Una copertura libera di 85 metri e una superficie del tetto di 60 x 120 metri rendono il tetto a sbalzo più lungo del mondo. A causa dei forti venti che si verificano frequentemente a Busan, sono state installate due colonne idrauliche di sostegno nel garage di livello inferiore che emergono in queste condizioni per impedire un sollevamento eccessivo al tetto.
Il complesso comprende circa 60.000 m² di spazi per spettacoli, eventi, gastronomia e amministrazione e può ospitare fino a 6 800 visitatori.

   

Purtroppo siamo arrivati in una domenica pomeriggio almeno due ore prima del tramonto per cui abbiamo aspettato nello star buck che c´é di fronte al complesso che si facesse buio e iniziassero a proiettare le luci colorate sul tetto. Beh é stato travolgente anche semplicemente osservare le luci e ascoltare la musica, non oso immaginare quando ci sono degli eventi o concerti come debba essere emozionante.